XIX festival organistico internazionale città di Ragusa

Organo-Serassi_foto.jpgTra gli innumerevoli eventi da segnalare in periodo natalizio ne ho scordato uno importante, almeno per chi di voi apprezza i concerti d’organo. È  cominciato infatti il 27 dicembre il XIX festival organistico internazionale della citta di Ragusa. L’iniziativa è a cura dell’A.GI.MUS. l’associaizone giovanile musicale di Ragusa e prevede ancora tre incontri.

Il prossimo è proprio stasera alle 19 30 e, a differenza degli altri, non si terrà in una chiesa ma nel laboratorio del restauratore d’organi Antonio Bovelacci. Un’occasione quindi non solo per ascoltare buona musica ma anche per conoscere il maestro che da tanti anni ormai si prende cura degli organi della nostra città. A tenere il concerto sarà Bernhard Gfrerer Organista titolare della Franziskanerkirche di Salisburgo.  L’appuntamento è nel laboratorio “Arte Organaria” di via Marzabotto 26.

Di seguito gli altri due concerti:

Chiesa Anime Sante del Purgatorio (Archi), Ibla 

Mercoledì 4 Gennaio 2012, ore 19,30 

SUSANNE JUTZ, soprano (Germania)

JOSEF EDWIN MILTCHINSKY (Germania) Organista titolare dell’Abbazia di Ottobeueren.

Duomo di San Giorgio, Ibla

Sabato 7 Gennaio 2012, ore 19,00

MARCO D’AVOLA, Ispettore Onorario Regione Sicilia per gli Organi storici.

18° Festival Organistico

Organo Chiesa dell'Itria.jpg Si conclude con il quinto concerto alla Chiesa dell’Itria il tradizionale Festival Organistico ragusano, giunto alla 18° edizione.

L’appuntamento è per domani 6 Gennaio, alle ore 19:00, per un concerto di organo e ensemble di ottoni.

Il patrimonio organario delle chiese di Ragusa è secolare: grazie all’iniziativa di Marco D’Avola, organista e compositore nonchè patron del festival, questo bene cittadino torna alla fruizione pubblica.

La Chiesa dell’Itria, uno dei gioielli del barocco cittadino, si trova a Ibla lungo la Salita Commendatore, vicino al Palazzo Cosentini recentemente restaurato.

(Nella foto l’organo della Chiesa dell’Itria a Ragusa)

La chiesa dell’Ecce Homo

Organo Serassi all'Ecce Homo.jpg Tra i gioielli nascosti della nostra città la chiesa dell’Ecce Homo rappresenta una vera e propria chicca, anche se forse sconta il fatto di non essere annoverata tra i beni architettonici del barocco ragusano tutelati dall’Unesco.

Eppure questo monumento presenta vari aspettti di grande interesse, dalle vetrate artistiche di Duilio Cambellotti (sì, quello delle tempere dei saloni della Prefettura) al grande organo Serassi, un prestigioso “organo-orchestra” del 1857.

La storia e le tradizioni cittadine legate a questa imponente costruzione verranno illustrate in quella che si preannuncia una interessante conferenza che si svolgerà Martedì prossimo 5 Ottobre, alle 19:30, presso la medesima parrocchia. Verrà presentato il volume a cura di Salvatore Gurrieri “La chiesa dell’Ecce Homo”, relatore l’antichista prof Gaetano Cosentini.

(Nella foto l’organo Serassi all’interno della chiesa dell’Ecce Homo)