Ibla Classica International 8^ stagione

VIII-stagione-ibla-classica-480x258.jpgÈ cominciata ieri l’ottava stagione di Ibla Classica International, la rassegna di musica classica che si tiene da otto anni a questa parte a Ibla, al Teatro Donnafugata.

Dopo il concerto inaugurale con un quartetto d’archi al femminile, che ha eseguito brani di Mozart, Chopin e Piazzolla, il programma proseguirà con una serie di concerti di tutto rispetto, a cura del direttore artistico Giovanni Cultrera.

Per informazioni e prenotazioni il telefono è 3384339281, l’email iblaclassica@libero.it

Di seguito il programma 2012/2013.


21 ottobre 2012 – “Quartetto d’archi… al femmineo incanto” da Mozart, Chopin…a Piazzolla


4 ottobre 2012 – “L’Opera è di scena tra Ottocento e Novecento” Musiche di Leoncavallo, Bizet, Puccini e Verdi


11 novembre 2012 -“Il balletto russo” Lo Schiaccianoci, Romeo e Giulietta… al pianoforte – Musiche di Cajkovskij-Pletnev e Prokofiev


25 novembre 2012 -“Atelier della Lirica… et Instrumenti” – Musiche di Bellini, Puccini, Verdi, Beethoven, Chopin, Liszt, Paganini, Kaciaturian


9 dicembre 2012 -“Premio Ibla Classica International 2012, Eccellenze iblee… talenti in carriera” – Musiche di Corelli, Rossini, Chopin, Schunann, Brahms, Ravel e Rachmaninov


13 gennaio 2013 -“Piazzolla e dintorni al violoncello” – Musiche di Brahms, Liszt, Piazzolla e Shostakovic


27 gennaio 2013 -“Con…certa…mente – Le colonne sonore della storia del cinema” – Musiche di Morricone, Piovani, Rota, Piazzolla, Williams


17 febbraio 2013 -“Rachmaninoff… il vortice post-romantico” – Musiche di Rachmaninov


3 marzo 2013 -“Dal flauto magico al Rigoletto” – Musiche di Mozart, Offenbach, Donizetti, Puccini, Verdi


13 marzo 2013 -“Italia – U.S.A. … One way’-Viaggio…ad elastico… dalla melodia italiana al ritmo ‘Americano a Parigi’ d’inizio ‘900”- Musiche di Mina, Paoli, Cardini, Gershwin e Liszt


7 aprile 2013 -“La leggenda del pianoforte dal classicismo al romanticismo” – Musiche di Schubert, Brahms-Paganini e Liszt


28 aprile 2013 -“Balletti, danze e marce dell’Est europeo” – Musiche di Cajkovskij, Dvorak, Brahms e Liszt


5 maggio 2013 – ore 20.30 -“Ibla sacra: Ave Maria… le celeberrime cantate” – Musiche di Bach, Caccini, Vivaldi, Mozart e Gounod – Chiesa S.Maria Dell’Idria


12 maggio 2013 – ore 20.30 -“Ibla sacra: Concerto per Voce d’organo”- Musiche di Bach, Vivaldi, Haendel e Massenet – Chiesa delle S.S.Anime del Purgatorio


19 maggio 2013 – ore 20.00 -Omaggio a S.Giorgio “Ibla sacra:Laudate Domine” -Musiche di Bach, Busoni, Haendel, Palestrina – Chiesa S.Maria dell’Itria.


Ti è piaciuto questo post? Clicca su mi piace e diventa fan della pagina Facebook Il blog di Ragusa: riceverai gli aggiornamenti su ciò che c’è da sapere o da fare nella tua città.

Passeggiata notturna con il Cai

Cai ragusa, escursioni ragusa, poggio capra d'oro ragusa, fiume Irminio, Ibla, giardini iblei, ponte di ferro ragusa, a scala o ciciru ragusaApprofittando della luna piena di questi giorni il Cai organizza per domani sera una passeggiata notturna sul poggio Capra D’oro. Non ho ancora avuto il piacere di fare questa interessante esperienza, ma chi si è avventurato a passeggiare sotto la luna mi dice sempre che dopo un po’ gli occhi si abituano e che sembra di camminare in un giorno senza sole.

L’escursione comincerà alle 18.30 e terminerà verso l’una di notte. La lunghezza del percorso è di 6 Km e sarà necessario portare, oltre le scarpe da trekking, anche quelle di gomma per attraversare i vari guadi. Il costo dell’escursione è di 2 euro, la cena è a sacco.

Dalla pagina facebook dell’evento, la descrizione del percorso:

“L’appuntamento ore 18,30 parcheggio via Giardino, a sinistra della villa di Ibla, 18,45 partenza, ci incamminiamo in direzione del fiume irminio, che percorreremo per circa 1,5 km effettuando diversi guadi fino ad arrivare al ponte di ferro della ferrovia,da li si camminerà lungo una strada sterrata che ci porterà sul poggio Capra D’oro, pausa cena e possibilità di ammirare la nostra città illuminata di notte; continueremo la camminata fuori sentiero fino ad arrivare “a scala o ciciru” percorso tale sentiero ci ritroveremo a guadare l’Irminio e iniziare la salita verso il punto di partenza. Arrivo e Buona notte a tutti i partecipanti.”

XX Giornata FAI di Primavera a Ragusa

logo-FAI.gif

Questo fine settimana, in concomitanza con l’inizio della primavera, tornano le giornate FAI (Fondo Ambiente Italiano).

Per la XX Giornata FAI di Primavera rimarranno aperti, e visitabili dietro la guida di studenti degli istituti scolastici della provincia, diversi monumenti e palazzi.

A Ragusa, in particolare, sarà visitabile il convento e la chiesa di S. Francesco all’Immacolata, in piazza Chiaramonte a Ibla. L’edificio del convento, originario del XIII secolo ma ricostruito dopo il terremoto del 1693, è stato restaurato recentemente; fino a poco tempo fa era sede di una casa di riposo per anziani. Ora sarà possibile ammirarne nuovamente la scala d’accesso in stile tardo barocco in pietra asfaltica degli iblei.

Nei dintorni, i monumenti scelti sono il Convento del Carmine (ex caserma dei Carabinieri) a Modica e il Museo Archeologico Regionale di Kamarina alla riscoperta dei reperti dell’area archeologica di Passo Marinaro di Vittoria.

Gli ingressi del sabato sono riservati agli iscritti FAI, con la possibilità di iscriversi in loco; la domenica gli ingressi saranno liberi.


Ti è piaciuto questo post? Clicca su mi piace e diventa fan della pagina Facebook Il blog di Ragusa: riceverai gli aggiornamenti su ciò che c’è da sapere o da fare nella tua città.

 

 

La Befana a Ibla

27960att_befana_fronte.jpgPer chiudere in bellezza le feste, oggi a Ibla arriverà la Befana seguita da un vero e proprio circo di clown, mimi e maghi: è la manifestazione “La Befana a Ibla”, che si terrà a piazza Pola a partire dalle 10. 

Il pomeriggio si terrà il secondo raduno di Fiat 500 “Befana in 500” che partirà da via Alcide De Gasperi alle 17.30 e sfilerà per le vie della città, attraversando il corso Italia, piazza Libertà e il Ponte San Vito per arrivare ai Giardini Iblei, dove continueranno i giochi per i bambini.

I festeggiamenti si prolungheranno fino a domani: dalle 17 alle 20 è prevista infatti una parata con giullari e fantasisti che partirà dai Giardini Iblei per arrivare al Duomo San Giorgio.

Ti è piaciuto questo post? Clicca su mi piace e diventa fan della pagina Facebook Il blog di Ragusa: riceverai gli aggiornamenti su ciò che c’è da sapere o da fare nella tua città.


San Giorgio e il drago

giorgio-e-il-drago-di-raffaello.jpgSe amate le feste religiose e i bagni di folla questo fine settimana non perdetevi il consueto appuntamento con la festa di San Giorgio a Ibla: diventata da qualche anno una ricorrenza molto sentita, la festa è seguita anche da “forestieri” che accorrono per festeggiare il santo uccisore di draghi.

La leggenda narra infatti che il cavaliere Giorgio, passando dalla città libica di Selem, accorse a salvare la principissa Silene dalle grinfie di un drago che si nutriva di umani. Giorgio trafisse il drago ma prima di infliggergli il colpo mortale disse agli abitanti di Selem: “Iddio mi ha mandato a voi per liberarvi dal drago: se abbraccerete la fede in Cristo, riceverete il battesimo e io ucciderò il mostro”. Gli abitanti di Selem si convertirono al cristianesimo e Giorgio uccise il drago.  

Ma non è questo l’unico prodigio imputato al santo; si narra che dopo la morte – avvenuta in seguito ad atroci torture – il martire resuscitato entrò in un tempio pagano e distrusse gli idoli di pietra con un soffio; in seguito, alla richiesta del re Tranquillino, resuscitò due persone morte da quattrocentosessant’anni, le battezzò e poi le fece sparire. Insomma quello di Ibla è un santo ricco di sorprese. Se volete saperne di più sulla vita e le leggende legate a San Giorgio cominciate da qui, se volete avere informazioni sul programma della festa andate qui.

Pomeriggi invernali

teatro donnafugata.jpg Con questo perdurante maltempo cosa consigliare per il weekend? Non è proprio il caso di suggerire gite o scampagnate. Forse è più opportuna una serata tranquilla all’insegna della musica, anzi, del Belcanto.

La proposta ci viene dal Teatro di Donnafugata, a Ragusa Ibla, dove è previsto per Domenica 30, alle 18:00, un concerto voce-pianoforte dedicato a pagine del melodramma nazionale (Bellini, Verdi, Rossini, Puccini) con qualche puntatina verso l’Europa (Debussy, Schubert).

Di scena il soprano turco Gonca Dogan, maestro accompagnatore Stefano Sanfilippo.

E non c’è neanche bisogno di pensare al dopoteatro: un ristoro è previsto per il pubblico, dopo lo spettacolo, presso il foyer.

Per info e prenotazioni questo è il link al sito del Teatro.

Classica a Ibla

teatro donnafugata.jpg Un po’ in tutto il mondo si è celebrato, in quest’anno che se ne va, l’Anno Chopiniano nel duecentesimo anniversario della nascita del compositore polacco.

Anche a Ragusa, in extremis, si celebra l’evento con un concerto che inaugura la stagione di musica classica al Teatro Donnafugata di Ibla; l’appuntamento è per domani Martedi 28 alle ore 19:00.

In programma il pianista Alessio Cappello che eseguirà musiche di Chopin e Rachmaninoff. Per una panoramica sulla stagione artistica del Teatro potete visitare il sito a questo link.

Il Teatro Donnafugata, piccolo gioiello architettonico incastonato nel cuore di Ragusa Ibla, si affaccia lungo la strada principale del quartiere barocco, corso XXV Aprile; l’ingresso è in via Pietro Novelli, una traversa.

Metti una sera a teatro

teatro donnafugata.jpg Presentata ieri, Giovedì 18, inizia la stagione degli spettacoli 2010/2011 del Teatro Donnafugata, gioiello ottocentesco nel cuore del quartiere barocco di Ragusa Ibla.

Si parte con un concerto jazz dell’ImproGressive trio, formazione ragusana che inaugura la stagione: l’appuntamento è per stasera alle ore 19:00.

Ma il programma di quest’anno è ricco di suggestioni, a partire dal tema centrale della stagione che è il canto lirico (sapete che ho un debole per questo genere…) con diverse interessanti divagazioni nel teatro e nel Jazz.

Qui trovate il link al programma completo.

La presenza del Sindaco Dipasquale alla conferenza stampa di presentazione mi dà lo spunto per alcune considerazioni.

Io credo che in città manchi una autentica politica culturale. Al di là dei patrocini e dei contributi economici (che non si negano mai a nessuno) a varie ed eterogenee iniziative, manca un programma di largo respiro che punti prima di tutto alla formazione di istituzioni stabili (un teatro comunale, la biblioteca, una sede museale appropriata), e poi alla formazione di un pubblico attraverso la didattica (scuole musicali, scuole di teatro, scuole d’arte). In questo campo basterebbe, come inizio, sviluppare l’integrazione e la collaborazione tra le realtà che in città, eroicamente e tra mille problemi, già operano.

Il discorso, ovviamente, è ampio e non può risolversi in queste quattro righe; ma in tempi così grami ci si dovrebbe porre il problema di rendere il più efficace possibile l’intervento pubblico (sempre più ridotto) e di valorizzare l’iniziativa degli appassionati, indirizzandoli verso la formazione di un patrimonio comune, di un capitale sociale a disposizione di tutta la comunità.

Aperto il Palazzo Cosentini

Palazzo Cosentini.jpg Dopo un paziente lavoro di restauro arriva alla fruizione dei ragusani il palazzo Cosentini, uno dei beni architettonici tutelati dall’Unesco nella nostra città. Posto a ridosso della Chiesa dell’Idria, cui è collegata da un corridoio interno, il prospetto rappresenta magnificamente lo spirito barocco ibleo con le sue figure ora lugubri, ora grottesche, i balconi panciuti, la pietra riccamente scolpita.

Destinato a ospitare mostre e iniziative culturali di vario genere, il palazzo è visitabile in questi giorni per una mostra di pittura di artisti siciliani di varia scuola. Da segnalare la personale di Franco Cilia che ripercorre le tappe artistiche di una lunga e prolifica carriera. Occasione doppia, quindi, per valutare la bontà del restauro appena concluso e per una panoramica significativa dello “stato dell’Arte” visiva siciliana (certamente non esaustiva ma comunque indicativa). Personalmente mi ha colpito il personale stile di un giovane pittore catanese, Benedetto Poma. Se andate fatemi sapere… Ah, dimenticavo: la mostra è aperta fino a Maggio.

Nella foto (copyright terrabarocca.it) un balcone del palazzo prima del restauro.

Iblabuskers 2010

Ci siamo: inizia il conto alla rovescia per l’edizione 2010 di Iblabuskers, il festival degli artisti di strada più importante in Sicilia e ormai famoso in tutta Italia. Quest’anno diverse iniziative interessanti. Dal digital light design di Luca Agnani, che ridisegnerà con proiezioni luminose alcuni scorci del quartiere barocco, alla clown terapy con il contributo dell’associazione “Ci ridiamo su” formata da medici e operatori sanitari.Iblabuskers2010.jpg

Numerose le presenze di artisti dall’estero: dalla Francia i Guappecartò, cinque musicisti itineranti , e Benjamin Delmas, acrobata, clown, mago, escapologista (l’arte di Houdini). Arturello Di Popolo, attore proveniente da una antica famiglia circense, intratterrà col suo spettacolo di clownerie.

Le manifestazioni si svolgeranno da Mercoledì 6 a Domenica 10, con la tradizionale parata di chiusura. Sul sito di Iblabuskers trovate anche utili indicazioni per mangiare e dormire nei giorni del festival.

Iblabuskers, giunta quest’anno alla sedicesima edizione, è un’iniziativa della Associazione culturale Edrisi di Ragusa.