Mercatino Genuino al curtigghio Lebowski

MANIFESTOGENUINO.pngMercoledì 16 maggio dalle 18 in poi al Circolo Lebowski (ex Club 42) in via Duca D’Aosta n. 5 si terrà l’inaugurazione del “Mercatino Genuino”. Un’alternativa alla normale spesa fatta al supermercato: prodotti locali e genuini, possibilità di parlare con i produttori per sapere tutto di ciò che acquistiamo e momento di convivialità.

Dal volantino dell’associazione: «Per una risposta locale alla crisi globale. Piccoli produttori agricoli e artigiani locali si impegnano per la creazione di una piccola rete di scambi, ispirandosi al movimento nazionale Genuino Clandestino che rivendica il diritto dei contadini di  trasformare e vendere liberamente  i propri prodotti. Puntiamo al sostentamento di tutti e per questo crediamo che ogni individuo debba essere attivo e consapevole nel ciclo della produzione e del consumo».

Il programma prevede: alle 18:00 Apertura Mercatino Genuino;

alle 18:30 Laboratori artigianali e di ecologia;

alle 19:30 Aperitivo con prodotti genuini;

alle 21:00 Musica dal vivo e Jam Session.

Per info: genuinoclandestinoragusa@inventati.org   Tel 3288675861


Ti è piaciuto questo post? Clicca su mi piace e diventa fan della pagina Facebook Il blog di Ragusa: riceverai gli aggiornamenti su ciò che c’è da sapere o da fare nella tua città.

 

  

Ecosistema urbano 2010

ecosistema-urbano.jpg Il rapporto annuale Ecosistema urbano 2010 di Legambiente e Ilsole24ore sulla vivibilità delle città capoluogo italiane fotografa la consueta divisione netta di qualità della vita tra il nord e il sud del paese.

Le città siciliane sono tutte al di sotto della 72sima posizione, con Catania e Palermo che occupano rispettivamente la terzultima e l’ultima posizione.

L’unica nota meno tragica riguarda proprio la nostra Ragusa che risulta essere la prima (o la meno peggio) tra i capoluoghi siciliani, risalendo di ben dodici posizioni rispetto all’anno scorso.

Che dire? L’immagine che ne risulta è desolante: se invece di operazioni di pura facciata tipo feste e sagre, opere pubbliche di cui non si sente il bisogno (nuovo lungomare, parcheggi sotterranei, cavalcavia, palazzo Ina, ecc.) si mettesse mano ai problemi della qualità dell’acqua, dell’aria, al trasporto pubblico, alla messa in sicurezza degli edifici pubblici (primi fra tutti le scuole) a tutto ciò che incide realmente sulla vita quotidiana dei cittadini, forse potremmo finalmente in tempi brevi vedere la nostra città risalire sensibilmente in queste classifiche.