Virgilio(Ragusa) chiude.

VirgilioRagusa.png

Era già nell’aria da qualche tempo. Dopo oltre due anni di assidua collaborazione, 314 articoli scritti a giorni alterni e una base di quasi quattrocento fan su Facebook (che per una cittadella come Ragusa non sono pochi), il nostro rapporto con Virgilio finisce qui. 

Ma cominciamo dall’inizio. Come molti sapranno, lo scorso anno Virgilio è stato comprato da Libero. Si intuiva già l’aria di cambiamento. Nei mesi successivi la permanenza dei local blogger – non solo io ma anche gli altri 14 colleghi che potete vedere nella colonna a destra – è stata sempre appesa a un filo. Qualche settimana fa, assieme alla notizia della rinascita di Italia Online, la batosta: l’avventura dei local blogger sarebbe durata solo fino a fine febbraio 2013. Abbiamo continuato a scrivere tentando di fare buon viso a cattiva sorte e cercando di non fare trapelare ildispiacere per la decisione presa ai piani alti. Nonostante tutto, voglio ringraziare Virgilio per l’opportunità che ha concesso sia a me che ai lettori di questo blog di gettare uno sguardo nuovo sulla nostra città.

Cosa sarà di questo blog ancora non si sa; sicuramente non continuerò ad aggiornarlo. Voglio però scrivere ancora su Ragusa: così, oltre che sul mio blog personale, potete continuare a seguirmi su Ragusa.in, dove cercherò di proseguire il lavoro svolto fin qui e tanto altro.

Iniziative per il 40° dalla morte di Giovanni Spampinato

Giovanni_Spampinato.jpegDomani ricorre il 40° dalla morte di Giovanni Spampinato, il giornalista ragusano ammazzato il 27 ottobre del 1972, ancora venticinquenne, ufficialmente ucciso da Roberto Campria ma con ogni probabilità tolto di mezzo perché stava indagando sulle torbide attività di mafiosi e neofascisti in quegli anni a Ragusa.

In sua memoria sono in programma diverse iniziative. Al Cinema Lumiere, sabato 27 ottobre, verrà proiettato il docufilm “L’ora di Spampinato“, diretto da Vincenzo Cascone e Danilo Schininà. L’ingresso è gratuito ma è obbligatoria la prenotazione, telefonando al 3936048770 o allo 0932682699 dalle 18 alle 23. Sono previste tre proiezioni: una alle 18 (riservata preferibilmente ai giovani), una alle 20 (con la presentazione ufficiale del documentario) e una alle 22.

Lo stesso giorno, alle 17 presso la Sala Convegni della Provincia Regionale di Ragusa (in viale del Fante), ci sarà una conferenza dal titolo “Giovanni Spampinato e il suo impegno per la verità e la giustizia a quarant’anni dalla morte“, aperta da Giorgio Chessari (Presidente del Centro Studi Feliciano Rossitto) e Giovanni Molè e con interventi di Franco Nicastro, Gaetano Barone e Achille Occhetto.

Per saperne di più sulla vita e le vicende legate allo sfortunato giornalista si può consultare il sito dell’Associazione Giovanni Spampinato www.giovannispampinato.it curato dal fratello Alberto.

Ti è piaciuto questo post? Clicca su mi piace e diventa fan della pagina Facebook Il blog di Ragusa: riceverai gli aggiornamenti su ciò che c’è da sapere o da fare nella tua città.

È tempo di funghi

funghi.jpgCon il mese di ottobre e le prime piogge autunnali comincia la stagione dei funghi, le passeggiate in campagna diventano perciò una buona occasione per portare a casa un prezioso e sempre più raro bottino. Ricordatevi però che da qualche anno è proibito raccogliere funghi se non si è in possesso dell’apposito tesserino rilasciato dal comune di residenza.

Per ottenere il tesserino è necessario versare una quota che varia in base al vostro livello di professionalità:  pagherete trenta euro se siete raccoglitori di funghi  amatoriali,  e potrete raccogliere fino a quattro chili di funghi al giorno;  se invece siete professionisti e avete intenzione di vendere i funghi raccolti pagherete cento euro. 

È poi necessario frequentare un corso di micologia per imparare a riconoscere le specie di fughi commestibili presenti nella nostra zona e per acquisire i giusti metodi di raccolta senza danneggiare il micelio.

Quest’anno il corso di micologia, organizzato dall’associazione Bresadola, si terrà  nella sede di Confcommercio in via Sofocle a Ragusa. A tenere il corso sarano gli esperti in micologia Andrea Buda, micologo della Bresadola di Siracusa, Emanuele Brugaletta, esperto di micologia e Gioacchino Gurrieri, micologo e direttore del corso. Per maggiori informazioni chiamate il 366-1672884. 

Per saperne di più sul rilascio del tesserino andate sul sito del comune http://www.comune.ragusa.gov.it/comune/uffici/sett09/03/08funghi.html

Festival del Giornalismo a Modica

festival-del-giornalismo-modica.jpgTra pochi giorni, a Modica, avrà inizio il 3° Festival del Giornalismo, organizzato da “Il Clandestino“, che si terrà dal 25 al 28 agosto nel centro storico di Modica, tra Palazzo San Domenico, Palazzo Grimaldi e Palazzo della Cultura.

Molti e importanti saranno gli ospiti di quest’anno: tra gli altri, Attilio Bolzoni de La Repubblica, Antonio Condorelli di Esse, Alfredo Faieta de Il Fatto Quotidiano, Alfio Sciacca de Il Corriere della Sera, il giornalista di La7 Antonino Monteleone, il caporedattore di Tg La 7 Antonio Roccuzzo.

Oltre ai workshop durante i quattro giorni, il festival ospiterà i musicisti di Arsenale, tra cui Cesare Basile e Anna Balestrieri, che si esibiranno in concerto domenica sera.

Il “Circuito del Mito” arriva a Scicli

Anche Scicli parteciperà al “circuito del Mito” la rassegna culturale che con più di cento spettacoli  animerà l’estate siciliana tra musica danza teatro e mostre.

Di seguito il programma delle serate:

domenica 17  luglio : “ENSEMBLE MASCAGNI”;

 martedì 26 luglio : “L’ESTRO ARMONICO – Le Quattro Stagioni di Vivaldi”;

  lunedì 1 agosto : “SOLEDAD BARRIO & NOCHE FLAMENCA”;

 sabato 13 agosto : “SULL’ONDA DEL SUCCESSO concerto dei Big One”;

 martedì 23 agosto: “TONY CANTO tour”;

 domenica 4 settembre: “DUE PER DUE”;

Sempre all’interno della rassegna dal 16 settembre al 16 ottobre sarà possibile visitare una mostra di Hugo Pratt al Palazzo Scimone.

 Spettacoli da non perdere anche se bisognerà fare qualche chilometro per vederli saranno Joe Cocker a Taormina il 26 luglio, Goran Bregovich che ad agosto si esibirà a Palermo, Tindari e  Giardini Naxsos, Noa il 27 luglio al teatro antico di Segesta.

 

È morto Mimì Arezzo

mimì-arezzo-470x264.jpg

Ormai lo sanno tutti, a Ragusa: due notti fa è venuto a mancare Mimì Arezzo, stroncato da una lunga malattia.

Noto politico cittadino alla guida dell’Mpa locale, Mimì Arezzo è stato apprezzato anche come storico, da notevole conoscitore della storia locale qual era, nonché come arguto direttore del Pungiglione, famoso giornale satirico del ragusano.

Nonostante l’Arezzo avesse retto l’Mpa nel momento del distacco dal movimento politico dell’attuale sindaco, anche quest’ultimo, a nome di tutti i ragusani, ha voluto ricordarlo come «figura umanamente esemplare» e «personalità di alto profilo che ha segnato con il suo contributo ed il suo esempio la storia di questa città».

“Piero Guccione, un pittore dell’occhio, un pittore del visibile

neroazz.jpgFino al 25 luglio sarà possibile visitare a Modica una mostra di Piero Guccione voluta dallo stesso artista che per l’occasione ha realizzato un quaderno che guiderà i visitatori tra le opere. Ricordiamo la presenza delle opere monumentali che Guccione ha realizzato per la cappella del Battistero di Santa Maria degli Angeli e dei Martiri a Roma: “un abbraccio che nasconde i volti di Gesù Cristo e di Maria Maddalena, una luce leggera, lieve, che fa da contorno alle due figure accennate, piramidali ed evocative. Accanto un orizzonte lontano e pieno di attesa.” (fonte ragusanews.com)

In mostra anche quadri ad olio come  le suggestive marine, e alcuni studi da “ Il nero e l’azzurro”,  opera creata per il Senato della Repubblica Italiana.

L’Ibla Grand Prize a rischio

 

ibla.jpgl’Ibla Gran Prize è un concorso internazionale che da ormai vent’anni seleziona pianisti, compositori e strumentisti di musica classica e jazz; è organizzato dalla Fondazione IBLA di New York City e si svolge ogni anno a Ibla i primi giorni di luglio. Quest’anno la data è stata fissata tra l’1 e il 10 luglio, il presidente dell’associazione  è  arrivato da New York per organizzare i lavori e centinaia di giovani hanno già inviato le loro richieste di partecipazione ma la conferma dei finanziamenti da parte della Regione non è arrivata;  l’Ibla Gran Prize rischia di non festeggiare il suo ventesimo compleanno. A mancare sono 5 milioni di euro che metterebbero a rischio anche l’edizione dell’anno venturo di Melodica e di Iblea Buskers. In questi giorni una delegazione ragusana sarà a Palermo per fare cambiare idea alla Regione, speriamo che vada bene, e ricordiamo che queste manifestazioni sono linfa vitale per la nostra comunità perché è la cultura che fa la differenza tra una società civile e una società incivile.

 

Vittoria Jazz Festival

1.pngAnche quest’anno Vittoria s’è confermata una delle mete più ambite per gli amanti del jazz grazie all’organizzazione del Vittoria Jazz Festival, giunto alla quarta edizione.

Questa è ormai la settimana finale per assistervi. Dopo un programma assai variegato, a chiudere la stagione 2011 saranno Steve Grossman col suo quartetto, sabato 18, e Francesco Cafiso, il giovane celebre sassofonista vittoriese, domenica 19.

La cornice in cui si esibiranno gli artisti, come al solito, è piazza Enriquez. Maggiori informazioni sul sito ufficiale del Vittoria Jazz Festival.

Il giovane Montalbano

Michele-Riondino-e-Andrea-Camilleri-470x311.jpg

Montalbano, si sa, è una delle fiction più amate in Italia – forse perché tra le pochissime davvero di qualità – nonché l’orgoglio della provincia ragusana, che è stata riscoperta anche grazie alle splendide ambientazioni delle avventure del Commissario.

Visto il grande successo è quasi impensabile che la serie esca di produzione; tuttavia, dopo dodici anni, la Rai avrà pensato che gli affanni cominciavano a farsi sentire sul nostro eroe: perché dunque non escogitare un prequel che ci mostri Montalbano da giovane, prima che divenisse commissario?

Detto fatto: sono appena cominciate a Scicli le riprese per questa nuova serie, sempre ispirata ai romanzi di Camilleri. L’attore che presta il volto a Montalbano da giovane è Michele Riondino, già noto per aver recitato in Distretto di Polizia. Se la casa di produzione rimane la stessa- la Palomar – tuttavia cambia il regista: non più Alberto Sironi ma Gianluca Maria Tavarelli, che ha già diretto le serie tv su Paolo Borsellino, su Maria Montessori e su Aldo Moro.