IL PARCO NATURALE DEGLI IBLEI: a che punto siamo?

40454att_invito.jpgMartedì 4 dicembre alle 17, presso il Centro Servizi Culturali (in via A. Diaz 56 a Ragusa), verrà proiettato il documentario “IL PARCO NATURALE DEGLI IBLEI: a che punto siamo?“, per la regia di Vincenzo Cascone (che sarà presente in sala).

La proiezione sarà seguita da una conversazione-dibattito, a cura del prof. Renzo Lo Presti.

L’evento è promosso dalle associazioni culturali A.I.M.C., ASPEI, FIDAPA, LEGAMBIENTE, C.I.F., UCIM.

Ti è piaciuto questo post? Clicca su mi piace e diventa fan della pagina Facebook Il blog di Ragusa: riceverai gli aggiornamenti su ciò che c’è da sapere o da fare nella tua città.


 

Una sentenza a favore del Piano paesaggistico

Altopiano_Ibleo.jpgLa scorsa settimana è giunta una notizia che ha segnato una vittoria per l’ambiente e le associazioni ambientaliste ragusane: è uscita la sentenza del CGA (Consiglio di Giustizia Amministrativa per la Regione Siciliana) che rigetta integralmente il ricorso di primo grado, proposto dal Comune di Ragusa, e accoglie il ricorso in appello di Legambiente.

 

Un ricorso presentato, in verità, non solo dal Comune di Ragusa, ma anche dalla Provincia e da tutti i Comuni della provincia di Ragusa, Vittoria esclusa. Questo ricorso mirava a far sottoporre a VAS (Valutazione Ambientale Strategica) il piano paesaggistico -permettendo, in parole povere, di aggirarlo e continuare l’inesorabile e insensata cementificazione della provincia – con ciò andando contro le leggi italiane e le linee della Regione Sicilia.

 

Come apprendiamo dal comunicato stampa di Legambiente Ragusa, il CGA tra le altre cose ha stabilito che il piano paesaggistico non va sottoposto a Valutazione Ambientale Strategica (VAS) perché non determina alcun impatto sull’ambiente (anzi lo protegge), come invece sostenuto dal comune di Ragusa e dal TAR di Catania; che la tutela del paesaggio è prevalente sulla pianificazione urbanistica sull’intero territorio e che può disciplinare anche zone non soggette a vincolo paesaggistico; che le prescrizioni che fissano stringenti regole non sulla costruzione, ma sui limiti di compatibilità di talune strutture agricole a forte impatto in aree sensibili, non sono manifestamente arbitrarie o irrazionali, quindi sono legittime; che l’ammissibilità delle costruzioni in zona agricola è legittimamente subordinata alla valorizzazione ed alla salvaguardia del patrimonio naturale e dell’ambiente; e infine che Legambiente Sicilia, Legambiente Ragusa, Legambiente Modica, Italia Nostra e l’Associazione Tutela Terre d’Oriente sono legittimate ad impugnare atti amministrativi incidenti sull’ambiente, al contrario di quanto sostenuto dal Comune di Ragusa e dalla provincia regionale. 

 

Purtroppo da queste parti gli interessi dei cementificatori si sono incontrati con quelli dei privati cittadini, che sono stati allarmati e spaventati con lo spauracchio che non avrebbero più potuto costruirsi una villetta in campagna (o in quel che ne è rimasto), cosa che per un ragusano doc è ormai divenuta un must. In realtà, come possiamo leggere nella sentenza, ad essere tutelati saranno i terreni agricoli, favorendo la sostenibilità delle costruzioni (non vietate, tranne in certe fasce di particolare interesse ambientalistico) e mettendo un freno alle dissennate costruzioni che, da qualche anno a questa parte, stanno sorgendo come funghi nel territorio ibleo più caratteristico.


Ti è piaciuto questo post? Clicca su mi piace e diventa fan della pagina Facebook Il blog di Ragusa: riceverai gli aggiornamenti su ciò che c’è da sapere o da fare nella tua città.

 

Settimana della cultura 2012 a Ragusa

dalle profondità marine… storie antiche,castello di donnafugata,donnafugata,settimana della cultura,settimana della cultura 2012 a ragusaAnche il comune di Ragusa ha deciso di aderire alla XIV settimana della cultura, cominciata lo scorso sabato e che continuerà per tutta questa settimana, weekend compreso.

L’iniziativa comunale è quella di rendere visitabile gratuitamente il Castello di Donnafugata – il cui biglietto, negli ultimi tempi, è arrivato a costare ben 8 €, “in linea con altri siti e musei europei” a detta dell’assessore al turismo Sonia Migliore.

Un’altra iniziativa ragusana è l’evento “Dalle profondità marine… storie antiche“, che si terrà presso il Museo Archeologico Ibleo domenica 22 aprile (sempre con ingresso gratuito) e in cui verrà proiettato un video che vuole fare scoprire l’archeologia subacquea attraverso le nuove scoperte effettuate a Scoglitti e a Punta Secca. 

dalle profondità marine… storie antiche,castello di donnafugata,donnafugata,settimana della cultura,settimana della cultura 2012 a ragusa


 

Ti è piaciuto questo post? Clicca su mi piace e diventa fan della pagina Facebook Il blog di Ragusa: riceverai gli aggiornamenti su ciò che c’è da sapere o da fare nella tua città.

 

  

 

 

 

 

  

Passeggiata ai pantani Longarini

ISPICA_2045-09-34-47-8462.jpgLa primavera è finalmente espolsa, è tempo di passeggiate: prima che l’afa renda impraticabili la maggior parte degli itinerari naturalistici delle nostre zone è meglio sfruttare al massimo le prossime domeniche. Se non avete nessuna idea su dove andare e non siete abituati a  passeggiate solitarie, vi consiglio di accodarvi al gruppo di Legambiente che questa domenica organizza un’escursione ai pantani Longarini.

Di questi pantani abbiamo già parlato  un anno fa, dicendo che si trattava di una importante risorsa naturalistica della nostra zona purtroppo trascurata. Fortunatamente dallo scorso marzo le sorti dei pantani sono migliorate: a luglio la zona è finalmente diventata una riserva a tutti gli effetti. 

 

Il 15 e il 25 aprile sono previste altre due escursioni organizzate da Legambiente: la prima a Vendicari Nord, da Eloro a Cala Mosche lungo l’antica via Elorina. La seconda all’eremo delle Ciaramite (Cava Misericordia).

 Ti è piaciuto questo post? Clicca su mi piace e diventa fan della pagina Facebook Il blog di Ragusa: riceverai gli aggiornamenti su ciò che c’è da sapere o da fare nella tua città.

 

 


Mostra ornitologica a Ragusa

breeders-zebra-finch.jpgSabato e domenica prossima nei locali della palestra della scuola media Vann’Antò si terrà la 54esima edizione della Mostra Ornitologica Nazionale. I visitatori potranno ammirare uccelli esotici ed indigeni allevati a scopo ornamentale da esperti sia italiani che stranieri. 

La mostra è organizzata dalla AOR, l’associazione ornitologica ragusana che da più di ciquant’anni riunisice appassionati dell’ornitologia e allevatori iblei,  e che fa suoi gli obiettivi della FOI: il miglioramento, lo sviluppo, la conservazione del patrimonio ornitologico, ambientale e naturalistico nazionale.

La mostra  sarà aperta al pubblico, con ingresso libero, nelle giornate di sabato 12 (con orario dalle 9 alle 21) e domenica 13 novembre (con orario dalle 9 alle 17,30). 

 

New economy, green economy

2.jpg Dilemma pomeridiano: andare allo spettacolo al Centro Servizi culturali o partecipare al convegno in programma al City?

Della performance sui temi dell’integrazione culturale abbiamo parlato nello scorso post.

Il convegno al City (il loungebar di tendenza aperto nella parte nuova della Villa Margherita) ha invece per tema la presentazione del libro di Antonio Cianciullo e Gianni Silvestrini dal titolo “La corsa della green economy – Come la rivoluzione verde sta cambiando il mondo”.

La manifestazione è organizzata dalla sezione ragusana di Legambiente; l’appuntamento è per le 17:00; sarà presente l’autore Gianni Silvestrini.

Mostra sulla biodiversità

Legambiente.jpg Il 2010 è stato proclamato Anno Mondiale della Biodiversità e su questo argomento, cruciale per la stessa sopravvivenza della specie umana sul nostro pianeta , è in corso presso il Centro Servizi Culturali di via Diaz a Ragusa una interessantissima mostra fotografica su “Cos’è la Biodiversità, perchè è importante per noi, perché è a rischio”.

L’iniziativa della manifestazione è di Legambiente, Alliance Francaise, dell’Ambasciata di Francia e della Facoltà di Lingue di Ragusa. La mostra sarà visitabile fino al 25 Novembre ore 9:00/13:00; per la giornata di oggi, Lunedì 22, anche nel pomeriggio dalle 16:00 alle 18:00.

 

 

Il consumo del territorio

Italia Nostra.jpg Un grido di allarme, un monito a tutti coloro cui sta a cuore questo angolo di Sicilia, ai cittadini e agli amministratori, agli operatori economici locali ed esterni.

Italia Nostra lancia un accorato appello a difesa di un territorio per certi versi unico ma che difficilmente potrà conservare le sue specificità se non si attueranno presto strumenti di salvaguardia e sviluppo opportuni ed efficaci; e condivisi.

Con una accelerazione inaspettata in questi giorni vengono al pettine tutti i temi cruciali che ci pongono l’interrogativo sul futuro possibile di questa provincia: trivellazioni a mare e nell’entroterra, campi fotovoltaici, piano paesaggistico e parco degli Iblei, inquinamento delle falde, urbanizzazione del territorio. Il dibattito rischia di impantanarsi in prese di posizione aprioristiche quando sarebbe invece opportuna una fase di riflessione e dibattito allargato a tutti gli attori sociali. Sarebbe necessaria la consapevolezza che il territorio non è una risorsa infinita e che certi modelli di sviluppo incontrollato portano alla perdita definitiva e irrimediabile di quelle risorse collettive che sono la vera ricchezza di questa terra: il paesaggio, la storia, l’ambiente, l’aria che respiriamo e l’acqua che beviamo.

Il fungo del Carrubo

Fungo di Carrubo.jpg Tra le prelibatezze che ci riserva l’Autunno ce n’è una legata al Carrubo, perciò rintracciabile oramai solo nel ragusano e in quelle sparute zone d’Italia dove resiste ancora quest’albero magnifico e primordiale.

E’ il fungo del Carrubo (laetiporus sulphureus), escrescenza del tronco rara, dalla forma compatta, che arriva a pesare anche alcuni chili. E’ talmente raro che non ha una quotazione e il cercatore che lo trova o lo consuma per sè o ne fa oggetto di regalo, per disobbligarsi verso qualcuno o conquistarsene la riconoscenza. Un tempo, il fortunato scopritore arrivava a presidiare l’albero fornito fino al momento giusto per la raccolta.

In questi giorni di piogge autunnali è più facile trovarlo e qualche ristoratore accorto ne riserva un po’ per i clienti più affezionati: ma non pensate di trovarlo nel menù, piuttosto chiedete discretamente se “per caso” se ne possa assaggiare un poco con i vostri amici.

Una dritta? Provate dalle parti di Ibla, in un ristorante diventato famoso per una certa fiction televisiva…

Appuntamenti del weekend

castello di donnafugata.jpg Tra le tante iniziative da seguire a Ragusa per questo weekend ve ne segnalo alcune per noi degne di particolare attenzione.

Le giornate di “A tutto volume, libri in festa” registrano una serie di qualificate presenze in convegni e dibattiti in varie librerie e caffè della città. Qui trovate il programma.

Al castello di Donnafugata, invece, ci sarà sabato 22 e Domenica 23 la due manifestazione dei Gruppi di acquisto solidale, una due giorni all’insegna della Natura e della Solidarietà. Tra l’altro vi sarà l’occasione, per chi fosse mancato all’anteprima, di poter visionare il bel film sul Parco degli Iblei, di cui abbiamo parlato in precedenti post. La proiezione avverrà Sabato 22 alle 19:00

Ma l’iniziativa che tengo di più a segnalare è l’incontro di Domenica 23  a Ibla organizzato dal Gruppo Calacipitu sui giochi di una volta.

Sarà perché noi stessi ci occupiamo professionalmente di giochi per bambini, sarà perché una certa età incombe ed emergono le nostalgie del “come eravamo” ma questo revival nel gioco di strada della nostra infanzia non me lo voglio perdere…

L’appuntamento è in Piazza Duomo alle 9:30.

Nella foto una veduta del Castello di Donnafugata