Nello Dipasquale si è dimesso

551712_481021145255967_947216006_n.jpg

È ufficiale: Nello Dipasquale, sindaco di Ragusa, si è dimesso.

Dopo mesi in cui le voci si sono rincorse – qualcuno in realtà lo vociferava già oltre un anno fa, durante le scorse elezioni – Nello Dipasquale ha deciso di lasciare la poltrona di sindaco e di correre per quella molto più ambita della Regione (non è ancora ben chiaro se come deputato o se addirittura come candidato governatore, inventandosi un terzo polo…). La decisione è stata ufficializzata e resa nota ieri, l’ultimo giorno utile per dimettersi e potersi così candidare all’ARS. 

Dunque Dipasquale, dopo sei anni, non è più il sindaco di Ragusa. Non sono stati pochi i malumori e le critiche che il sindaco si è attirato in questi anni. Sei anni in cui Ragusa ha cambiato volto, diventando in molte sue contrade pressoché irriconoscibile: sei anni in cui il territorio – ironia della sorte, è anche il nome del movimento partitico dell’ex sindaco, che tempo fa aveva voltato le spalle al Pdl – il territorio, dicevamo, è stato bistrattato, spianato, appaltato, cementificato. E più sparivano gli altipiani, rivoltati dalle ruspe e soffocati dalle autobetoniere, più apparivano parcheggi.

Del resto Dipasquale non ha fatto mistero di voler essere ricordato come il sindaco che più di ogni altro ha cambiato il volto di Ragusa. Chi abita al centro lo sa: prima i lavori di via Roma (ancora in corso), poi le vicende del quartiere Carmine Putie, infine il progetto per ridisegnare piazza Libertà… La sua visione di una nuova Ragusa ha lasciato dei segni ben visibili nell’intero territorio della città.

Resta da vedere se ora Ragusa saprà voltare pagina – ammesso che cambiare sindaco significhi cambiare modo di fare politica. Nel frattempo il potere è nelle mani del vicesindaco Cosentini, e la giunta si riunirà solo in caso di particolari urgenze. In attesa della elezioni della prossima primavera…


Ti è piaciuto questo post? Clicca su mi piace e diventa fan della pagina Facebook Il blog di Ragusa: riceverai gli aggiornamenti su ciò che c’è da sapere o da fare nella tua città.

Museo di civiltà contadina a Palazzo Zacco

museo_contadino.JPG

È stato inaugurato ieri a Ragusa, nei locali di Palazzo Zacco in via San Vito 158, il “Museo del Tempo Contadino“. Un museo fortemente voluto dal Centro Studi “Feliciano Rossitto”, che ha collaborato col Comune di Ragusa e con il Centro Servizi Culturali della città.

L’intento del museo è quello di permetterci di tornare indietro nel tempo facendoci conoscere gli usi e la cultura della civiltà contadina, ormai sempre più dimenticati, esponendo attrezzi, strumenti e oggetti tipici del mondo rurale.

Il museo in realtà non sarà permanente, ma è solo un’anticipazione per il futuro “Museo di Arti e Mestieri” che dovrebbe ampliare e completare l’esposizione del Museo del Tempo Contadino.

Ti è piaciuto questo post? Clicca su mi piace e diventa fan della pagina Facebook Il blog di Ragusa: riceverai gli aggiornamenti su ciò che c’è da sapere o da fare nella tua città.

Festa di San Giovanni Battista 2012 a Ragusa

san-giovanni-battista-ragus.jpgEntrano oggi nel vivo i festeggiamenti a Ragusa dedicati a San Giovanni Battista, il patrono della città.

Mons. Carmelo Tidona ha annunciato che quest’anno sarà una festa “low cost”, in cui si rifletterà sul senso del messaggio di rinuncia di San Giovanni; ad ogni modo in programma oggi vi è la processione con il simulacro, alle ore 18, che partirà dalla Cattedrale per raggiungere la chiesa Sacra Famiglia; domani alle 19.15 il simulacro procederà per il percorso inverso. 

Mercoledì 29 agosto, clou della festa, ci saranno messe nella Cattedrale per tutta la giornata; alle 18.30 comincerà la processione finale del simulacro, che dalla Cattedrale proseguirà per Corso Italia, la via Roma (per l’occasione ripulita dai lavori), via G. B. Odierna e San Vito, corso Vittorio Veneto, via Sant’Anna, Ponte Vecchio, piazza Cappuccini, piazza Libertà, Ponte Pennavaria e da qui, ripassando per la via Roma e piazza San Giovanni, nuovamente in Cattedrale. Vi saranno per finire due spettacoli pirotecnici, uno all’ingresso del simulacro e uno alle 24 sul Ponte San Vito.

Il programma completo si può consultare qui.


Ti è piaciuto questo post? Clicca su mi piace e diventa fan della pagina Facebook Il blog di Ragusa: riceverai gli aggiornamenti su ciò che c’è da sapere o da fare nella tua città.

De Claritate Montis: il primo Festival della Filosofia a Chiaramonte Gulfi

locandina.jpg

Il 27 e il 28 agosto a Chiaramonte Gulfi, presso la Villa comunale, si terrà la prima edizione del Festival di Filosofia “De Claritate Montis – Un vocabolario alto della vita, diretto dal Prof. Carmelo Mezzasalma.

Il programma del Festival prevede per lunedì alle 19 un intervento del Prof. Carmelo Mezzasalma dal titolo “Il disincanto del mondo; a seguire, alle 19.30, “La passione per la politica” a cura del Prof. Giuseppe Pezzino. Alle 22 un intervento del Prof. Carmelo Vigna, “L’anima e i suoi affetti”.

Martedì invece sarà la volta di Tonino Solarino, che alle 19 interverrà sul tema del “Viaggio interiore”; alle 19.30 il Prof. Luciano Nicastro parlerà di “Libertà e amore”, mentre alle 22 il tema sarà “La beatitudine” affrontato dal Prof. Marco Vannini, e alle 22.30 “Ermete Trismegisto e l’importanza di usare quel poco che so di filosofia in cucina”, intervento di Roberta Corradin.

Sono previste anche esibizioni del gruppo di attori “Gli Schiffariati” e mostre artistiche e fotografiche di artisti dell’hinterland.


Ti è piaciuto questo post? Clicca su mi piace e diventa fan della pagina Facebook Il blog di Ragusa: riceverai gli aggiornamenti su ciò che c’è da sapere o da fare nella tua città.

 

Un mare di plastica a Punta Secca

eventi punta secca, un mare di plastica, mercatini punta secca, riciclo artistico, laboratori estivi ragusa, Simona DipasqualeNon vi allarmate, le spiagge di Punta Secca non si sono improvvisamente riempite di immondizia, dietro questo titolo  inquietante si nasconde invece una un’interessante iniziativa. Un mare…di Plastica, volta a sensibilizzare la gente sulle tematiche dei rifiuti e del riciclo, è sponsorizzata dal comune di S. Croce e a cura dell’artigiana del riciclo Simona Dipasquale.

L’appuntamento è per domani nelle piazze di Punta Secca.

Di seguito il programma della serata: 

Ore 17, “rotonda” del lungomare A. Vespucci: MOSTRA DI GIOIELLI REALIZZATI CON MATERIALI DI RICICLO;

Dalle 18 alle 20, “Piazza Concordia”: LABORATORIO DI RICICLO ARTISTICO ADATTO A TUTTE LE ETÀ;

Ore 21,  “Piazza Torre”: CONFERENZA E VIDEO PROIEZIONE SUL TEMA DEL RICICLO E DEL RIUSO.


 

Ti è piaciuto questo post? Clicca su mi piace e diventa fan della pagina Facebook Il blog di Ragusa: riceverai gli aggiornamenti su ciò che c’è da sapere o da fare nella tua città.

 

Chiude la Facoltà di Lingue a Ragusa

universita-logo.jpgOrmai è deciso: a settembre a Ragusa non partirà il primo anno della Facoltà di Lingue straniere (per l’esattezza, il corso di laurea in “Mediazione linguistica”). Questo l’annuncio di pochi giorni fa di Antonio Recca, rettore dell’Università di Catania, di cui Ragusa è, anzi era, una sede distaccata. 

Il motivo, come sa chi ha seguito un minimo la vicenda, sono gli eccessivi debiti accumulati dal Consorzio Universitario Ibleo nei confronti dell’Ateneo catanese. Debiti che, ad oggi, hanno superato il milione di euro.

La decisione è stata presa, in sostanza, dal colleggio dei revisori dei conti dell’Università di Catania, che hanno denunciato l’insostenibilità della situazione (già negli scorsi anni avevano inviato al consorzio delle ingiunzioni di pagamento per appianare i debiti degli anni passati – debiti risanati sempre solo parzialmente).

Come sempre, purtroppo, sono gli anelli deboli della catena – nel nostro caso gli studenti – a farne le spese: con la progressiva disattivazione, anno dopo anno, di diversi corsi di laurea (ricordiamo che qualche anno fa era possibile studiare a Ragusa addirittura Medicina), la nostra città e la sua Università ha sempre meno da offrire ai suoi giovani cittadini.

Ti è piaciuto questo post? Clicca su mi piace e diventa fan della pagina Facebook Il blog di Ragusa: riceverai gli aggiornamenti su ciò che c’è da sapere o da fare nella tua città.

Ratapun a Chiaramonte

locandina-ratapun-mini-166x300.jpgNei nostri post estivi non abbiamo ancora fatto cenno all’estate chiaramontese, eppure questa  merita la nostra attenzione perché è veramente ricca di eventi, basti sapere che per il mese di agosto è previsto almeno uno spettacolo a sera.

Qui trovate il programma dettagliato delle serate. Io volevo soffermarmi sulla manifestazione di martedì e mercoledi prossimo (21 e 22 agosto): Ratapun, festa dedicata ai musicisti e agli artisti di strada che si esibiranno nelle strade e nei vicoli del centro.

“Ratapun è un suono, è un festino, è una magia, è l’atmosfera dei tempi in cui ci si ritrovava nei cortili e nelle piazze per fare festa. I visitatori si troveranno ad esplorare i vicoli, le stradine e gli angoli più suggestivi del centro storico di Chiaramonte Gulfi, guidati dai suoni e dalle voci di attori festanti, in un percorso ideale che attraversa tutta la città, immerso in una atmosfera unica e sognante. ” (fonte )

La manifestazione è a cura dell’associazione Nusquama, durante le due serate i musei resteranno aperti e sarà possibile  visitare una mostra di pittura di Elisa Ragusa e una di fotografia a cura dell’associazione Scaccomatto

 

Di seguito gli artisti che si esibiranno:

– Sgumbbicio Clown Theater ( clownerie)

– Vera Mormino, Gianni Gebbia (musica, acrobatica aerea)

– Peppino Marabita (teatro di strada, giocoleria)

– Ezio Scandurra (marionette)

– Gaspare Balsamo (cuntastorie)

– Mine Vaganti (teatro)

– Davide di Rosolini (teatro canzone)

– Heliantes (musica)

– Tinto brass band (musica)

– Trio casa mia (musica)

– Andrea Chessari e Lakbir Ghazout. (musica)

– Alessandra Ristuccia (musica)

– Harmony quintet ( musica)


 

Ti è piaciuto questo post? Clicca su mi piace e diventa fan della pagina Facebook Il blog di Ragusa: riceverai gli aggiornamenti su ciò che c’è da sapere o da fare nella tua città.

 

 

 

Festa della Madonna di Portosalvo a Marina di Ragusa

madonna-di-portosalvo.jpgTra le varie celebrazioni di questo Ferragosto, una è peculiare: la processione della Madonna di Portosalvo, che si tiene ogni anno il 15 agosto a Marina di Ragusa.

Il simulacro della Madonna viene caricato su un’imbarcazione, come si può vedere nella foto, e portato in processione nello specchio di mare lungo la costa, in particolare di fronte al lungomare Andrea Doria e Bisani, passando per il villaggio Santa Barbara, per poi arrivare a Punta di Mola.

La processione comincierà oggi pomeriggio alle 17, con imbarco presso il porto turistico. Dopo il percorso via mare, la processione continuerà sulla terraferma, fino a giungere a Piazza Duca degli Abruzzi, dove alle 22 ci sarà uno spettacolo musicale e a mezzanotte il tradizionale sparo.

Buon ferragosto!

Ti è piaciuto questo post? Clicca su mi piace e diventa fan della pagina Facebook Il blog di Ragusa: riceverai gli aggiornamenti su ciò che c’è da sapere o da fare nella tua città.

Cosa fare a Ferragosto

ferragosto a ragusa,cosa fare a ferragosto ragusa,ferragosto marina di ragusa,parco valleventura,sicily music village,barbara puglisi,giuseppe ranno,giuseppe apa,castello donnafugata mostra,sagra pesce pozzallo,sagra cipolla giarratanaMolti di voi saranno già da qualche giorno in preda al consueto dilemma di come passare il Ferragosto. Sperando di potervi essere utile ho raccolto un po’ di eventi che si terranno a Ragusa e provincia. Cominciamo dal porto di Marina di Ragusa dove la sera del 14 si ballerà sotto le stelle con un DJ set. 

Un’altra serata musicale è prevista al Parco Valleventura dove all’inerno del festival “Sicily Music Village” si alterneranno per tutta la notte gruppi hip hop, il programma completo della serata lo trovate qui .

Se invece preferite una serata più tranquilla al castello di Donnafugata si inaugura la mostra ” Impronte d’arte a Donnafugata” che resterà visitabile fino al 30 agosto. Esporranno le loro opere Giuseppe Ranno, Barbara Puglisi e Giuseppe Apa.

 Chi non vuole rinunciare alla tradizione può partecipare alla sagra del pesce di Pozzallo, cominciata venerdì scorso. Tra musica e teatro si potranno gustare piatti a base di pesce cucinati utilizzando l’ormai celebre padella lunga 4 metri. A Giarratana invece troverete la sagra della cipolla, altra sagra fondamentale della nostra provincia che attira visitatori da tutta Italia.

 

Ti è piaciuto questo post? Clicca su mi piace e diventa fan della pagina Facebook Il blog di Ragusa: riceverai gli aggiornamenti su ciò che c’è da sapere o da fare nella tua città.

 

 

 

La Lectio Magistralis di Giorgio Agamben

agamben01g.jpgAbbiamo parlato più volte su questo blog di Giorgio Agamben, filosofo italiano praticamente sconosciuto in patria ma assai noto all’estero, celebre per opere come Homo sacer.

Non abbiamo fatto in tempo, purtroppo, a segnalare una Lectio Magistralis che il filosofo ha tenuto a Scicli qualche giorno fa. 

Per fortuna, grazie a Youtube e alle riprese di Sud Est TV, possiamo rivedere e seguire la lezione anche qualora ce la fossimo persa. Eccola.


Ti è piaciuto questo post? Clicca su mi piace e diventa fan della pagina Facebook Il blog di Ragusa: riceverai gli aggiornamenti su ciò che c’è da sapere o da fare nella tua città.