Gare di aratura e di muratura

trattore-aratro.jpgQuesto weekend a Ragusa e dintorni si terranno due gare, dedicate una al mondo contadino e l’altra a quello dell’edilizia.

La prima è una gara di aratura con trattore, giunta alla sesta edizione, che si terrà l’1 e il 2 ottobre nei dintorni dell’agriturismo Valle di Chiaramonte, in contrada Morana a Chiaramonte Gulfi. Si tratta di una vera e propria gara di abilità per trattoristi, nel corso della quale verrà assegnato il “Trofeo di motoaratura”. Inoltre vi saranno anche gare dedicate ai quad, al tiro con l’arco e alla mountain bike.

La seconda è Ediltrophy, il trofeo dell’edilizia organizzato da FORMEDIL (Ente Nazionale per la formazione e l’addestramento nell’edilizia) che si terrà il 1° ottobre a Ragusa in piazza San Giovanni, dalle 8:30 alle 13:30. Si tratta di una gara di arte muraria in cui si affrontano varie squadre provenienti dalle diverse province siciliane; la vincitrice accederà alle gare nazionali.

Esplorambiente a cava Santa Maria La Nova

cavasmaria.jpgL’associazione Esplorambiente di Scicli organizza un seminario sulla cava Santa Maria La Nova, una interessante zona rupestre lunga più di nove chilometri che da Modica scende verso Scicli. All’interno della cava sono presenti grotte naturali e latomie scavate dopo il terremoto del 1693 per le ricostruzioni; numerosi sono anche i siti archeologici come le necropoli della Santa Cassa, i Rutti Pirciati di contrada Catenazzello e il palmento di contrada Marafini.

Il  seminario si svolgerà in due tempi: venerdì 30 settembre a Scicli presso il palazzo Spataro, ci sarà la parte “teorica”, si parlerà della cava assieme ad esperti come lo storico dell’arte Paolo Nifosì, il geologo Rosario Zaccaria, l’agronomo Matteo Scatà. L’appuntamento è per le 17.30.

La domenica successiva, il 2 ottobre, si potranno visitare i luoghi più interessanti della cava, le latomie  e i siti archeologici. La quota di partecipazione è di 5 euro e comprenderà il viaggio in pulman e il pranzo, o meglio, l’assaggio di rustici presso il  panificio Ruta. Per maggiori informazioni visitate il sito dell’associazione  http://www.esplorambiente.it/web/news.php 

Modica sommersa

alluvione modicaOggi ricorre il 109° anniversario della disastrosa alluvione che nel 1902 mise in ginocchio Modica. Il centro della città, come si può vedere in alcune foto storiche, era attraversato da torrenti a cielo aperto che nella notte tra il 25 e il 26 settembre strariparono a causa delle straordinaria quantità di pioggia, 395 millimetri  caduti in 24 ore, cioè la quantità che solitamente cade in sei mesi. 

Nel giro di pochi minuti la città si ritrovò invasa dal fango che in alcune zone  arrivò a toccare i cinque metri di altezza. Camminando oggi tra i palazzi storici del centro sono  visibili i segni lasciati a ricordo del livello raggiunto dall’acqua durante la tragedia. Centodue persone persero la vita, travolte da un muro d’acqua alto dieci metri che sradicò alberi e devastò palazzi. Molte furono le vittime sorprese in casa dal fango che ricoprì tutti i primi piani dei palazzi di corso Umberto, la via  attraversata dai torrenti. Circa cento attività commerciali presenti nel corso andarono distrutte assieme ai mulini costruiti in prossimità dei ponti. I danni all’epoca ammontarono a due milioni di lire ma la ricostruzione fu molto veloce grazie agli aiuti provenienti da tutta Italia.

L’anniversario sarà ricordato oggi a Palazzo san Domenico alle ore 16. Il professore Giancarlo Poidomani  racconterà  quelle drammatiche ore e leggerà un passo tratto dal libro “Modica: settembre 1902 i giorni dell’alluvione” di Grazia Dormiente,  pubblicato in occasione del 100° anniversario dell’alluvione. 

 

Terzo Meeting Siciliano delle Arti e della Musica

Cesare-Basile2-Giovanna-Marascia.jpgL’Arsenale, Federazione Siciliana delle Arti e della Musica con l’obiettivo di promuovere la dimensione artistica e musicale della Sicilia, ha organizzato il suo terzo meeting, ossia un incontro pubblico tra artisti, nell’intento di mettere in contatto le ‘manovalanze’ del settore artistico ragusano e siciliano in genere.

Il meeting sarà dedicato a tre grandi figure della nostra terra: Maria Occhipinti, la rivoluzionaria dei moti del “Non si parte”, Serafino Amabile Guastella, antropologo studioso delle tradizioni culturali siciliane e Giovanni Spampinato, giornalista ragusano assassinato dalla malavita.

Il programma è votato alla commistione tra esperienze artistiche diverse: non solo musica, dunque, ma anche teatro, pittura e reading. Le esibizioni si terranno stasera e domani sera a Ragusa Ibla, nei Giardini Iblei e dintorni. Tra le altre, ricordiamo: oggi dalle 18, ai Giardini Iblei, Mapuche in concerto e a seguire Carlo Muratori; un reading su “Una donna di Ragusa” (celebre autobiografia di Maria Occhipinti) a cura di Z.U.M.A. e Rita Salonia; dalle 21:30, in piazza G.B. Odierna, si avvicenderanno sul palco Anna Balestrieri, Contrario Motu, Marlowe, Le Formiche e Les Spritz. Domani dalle 19, sempre ai Giardini Iblei, gli Charme in concerto e dalle 21:30, in piazza G.B. Odierna, si esibiranno Cesare Basile, Feldmann, Iotatòla, Oswald Black Banda e Vodkafish.

Arte al centro

4179291488_6058540bdc_z.jpgL’estate è finita, come i temporali di questi giorni ci hanno ricordato, e da oggi è ufficialmente autunno; eppure domani sera si terranno gli ultimi appuntamenti dell’Estate Iblea 2011, che si concluderà con diverse iniziative nell’ambito della manifestazione “Arte in centro”.

Anzitutto si terrà una collettiva di pittura e scultura al Ponte Vecchio; inoltre sarà organizzato un mercatino dell’antiquariato con degli stand che si snoderanno da piazza Cappuccini al Ponte Vecchio. Per finire, sempre domani sera alle 22 in piazza Cappuccini, è previsto un concerto della Acoustic Scarlett Band. Speriamo solo che non piova…

Corto Maltese a Scicli

corto maltese, , scicliLo scorso sabato è stata inaugurata a Scicli una mostra su i viaggi di Corto Maltese: acquarelli e chine, che rappresentano i luoghi e gli incontri del famoso marinaio, accompagnati dagli scatti del fotografo svizzero Marco D’Anna e dalle riflessioni dello scrittore Marco Steiner. 

La mostra non ha un’unica sede ma si dipana tra palazzo Scimone, il circolo culturale Brancati dove sono esposti i testi di Marco Steiner e le opere editoriali di Hugo Pratt e la Galleria Koinè dove si possono ammirare le opere fotografiche di Marco D Anna. 

La mostra è visitabile fino al 16 ottobre da martedí a giovedí dalle 17 alle 23; da venerdí a domenica dalle 11 alle 13.30 e dalle 17 alle 23. Chiuso il lunedí. Per gruppi superiori alle 6 persone o per scuole chiamare 331 9767390.

MitoMania II edizione

mito_mania_ragusa_N.jpg  MitoMania – il ciclo di spettacoli e conferenze organizzato dall’associazione Pergamo – quest’anno  invita i suoi partecipanti a conversare con San Giovanni e San Giorgio.

Le conversazioni si terranno nei giorni 18, 20, 21, 22, 23, 24 presso l’auditorium della chiesa di S. Rocco a Ibla dalle 17 30 in poi. La sera del 18 è previsto un concerto dell’organista e compositore Marco D’Avola, nella chiesa delle SS. anime del purgatorio; mentre il 21 nella stessa sede si esibirà il pianista Carmelo Mezzasalma.

Nelle mattinate del 22 e 23 sono previsti invece due percorsi architettonici-devozionali, il primo su San Giorgio con partenza dal portare di San Giorgio alle ore 10, e il secondo su San Giovanni partendo dalla chiesa di S. Agnese a Ibla.  

Per finire giorno 24 sarà possibile visitare accompagnati da una guida i musei del Duomo di San Giovanni e di San Giorgio. Chiuderà la rassegna il concerto del pianista greco Tvassilis Tsabropoulos nell’auditorium  di San Rocco, l’appuntamento è per le 21.

Per maggiori informazioni http://www.associazionepergamo.it/wp/2011/08/mitomania-2/

Campionato nazionale di pizza a Scoglitti


pizza acrobazia scoglittiDa ieri e per tutta la giornata di oggi a Scoglitti, frazione marittima di Vittoria, si svolge il quarto campionato nazionale di pizza al pomodorino ciliegino, presso il villaggio Stella Marina.

Il culmine del campionato verrà raggiunto proprio oggi: non sarà una semplice gara tra pizzaioli, ma tra veri e propri acrobati della pizza: si esibirà, infatti, la squadra acrobatica dell’API – Associazione Pizzerie Italiane – composta da Piero Normanno, campione nazionale di pizza acrobatica, Francesco Normanno e Massimo Ficicchia, campione del mondo nel 2005.

Dopo le doverose degustazioni, per finire, alle 21 è in programma una serata di musica live con la New Pentagram Horchestra.

Per non dimenticare Francesco Giombarresi

Francesco -Giombarresi_outsiderart-anteprima-400x262-215298.jpgLa provincia di Ragusa (ma non la città) può vantare il merito di aver dato i natali a intellettuali e artisti che hanno contribuito a scrivere la storia culturale del nostro paese: Bufalino e Guccione, Quasimodo e Fiume ma anche personaggi meno noti, divenuti celebri negli ultimi anni come Vincenzo Rabito e il pittore contadino – da me sconosciuto fino a poche ore fa – Francesco Giombarresi che visse e lavorò a Comiso.

A differenza dei primi, Rabito e Giombarresi non hanno avuto la possibilità di coltivare il proprio talento perché nati in un contesto di miseria e ignoranza e costretti a faticare per guadagnarsi da vivere. Così il loro genio  sembra contraddire ogni teoria pedagogica che dà notevole peso all’ambiente per la formazione dell’individuo.

Giobarresi  veniva continuamente deriso e disprezzato dalla comunità: non era un buon uomo perché non era un buon lavoratore e poi parlava di strane macchine progettate da lui e strappava le lenzuola della moglie per ricavarne tele su cui dipingere. “Gli era venuta una bruciante  passione per lo studio, la conoscenza, la pittura. Di scuole, aveva fatto  soltanto le prime due classi alle elementari: ma cosi’ assiduamente si  esercitava a scrivere e a leggere in solitudine e furtivamente, facendo  incetta di parole e inventando un loro significato, e cercando parole per i  significati che le cose gli rivelavano, che oggi e’ in grado di leggere nei testi quel che i testi non dicono e di scriverne – memorie, fantasie,  scienze – di assolutamente impenetrabili”. 

Fu un articolo di Sciascia – da cui proviene la citazione- scritto nel 1969 a strappare Giombarresi dall’isolamento e dall’alienazione in cui era vissuto fino a quel momento e a catapultarlo nel mondo dell’arte. Fu riconosciuto dai critici come esponente dell’Art Brut siciliana e cominciò ad esporre le sue opere.

Se volete saperne di più sul pittore contadino, alla fondazione Giovan Pietro Grimaldi di Modica sono esposte 35 sue opere selezionate fino al 18 settembre. La mostra è visitabile tutti i giorni dalle 9 alle 13 e dalle 16 alle 20.  

Qui il sito ufficiale di Giombarresi.

Ragusani nel fondo 3

ragusaninelfondo3.pngE dopo il premio “Ragusani nel mondo“, stavolta un’iniziativa popolare, che sorge dal basso: Ragusani nel fondo, «la manifestazione che premia gli ultimi, un riconoscimento a chi non lascia la nostra terra, ma rimane e lotta per migliorarla».

Una controiniziativa giunta alla terza edizione, che darà spazio ai problemi dei ragusani, ai cittadini più colpiti dalla crisi e dimenticati dalle istituzioni. Si parlerà della raccolta differenziata, che a Ragusa stenta a decollare (per l’occasione verrà proiettato un videodocumentario). Verrà presentato il libro “I volti del Primo Marzo – voci da un’altra Italia” di R. Cauchi, M. Perna, G. Ruta e F. Di Martino. Ci sarà spazio anche per musica live e per una cena sociale a fine serata.

L’appuntamento è per stasera, a partire dalle 19, presso la Rotonda Maria Occhipinti.