Notte bianca

Nuova edizione della Notte Bianca a Ragusa stasera.

Tra le molte iniziative, non tutte particolarmente esaltanti in verità, ve ne segnaliamo alcune che invogliano una volta tanto a spegnere il televisore e uscire di casa per una serata diversa.

Il danzatore Raffaele Paganini si esibirà a Piazza San Giovanni dalle ore 21:00.

Il Museo archeologico e la mostra sugli Elmi, di cui abbiamo già parlato su questo blog e che si configura come l’evento culturale della stagione in città, saranno visitabili fino a tarda sera e da non perdere sarà la visita guidata alla mostra alle 21:30 con l’archeologo curatore prof. Giovanni Di Stefano.

Il tema sarà “Arcieri, Opliti, Guerrieri a Camarina”; appuntamento davanti al Palazzo Garofalo (Corso Italia, angolo Piazza San Giovanni).

Altro appuntamento da non mancare la visita ai saloni della Prefettura decorati con le tempere di Duilio Cambellotti, dalle 18:30 in poi. Telefonare per prenotare all’Assessorato Beni Culturali del Comune, tel 0932 676600.

Collegato alla Notte Bianca vi segnaliamo inoltre l’Ibla Jazz Festival, domani 1° Maggio, che si articolerà tra le piazze Duomo, Pola e G.B Odierna.

RAGUSA IBLA_2092-10-49-59-2506.jpg

 

 

Ragusa di notte (foto di Daniele Cascone)

Per un Parco degli Iblei

Sarà presentato alla città giovedì 29 l’atteso documentario di Vincenzo Cascone sul tema del Parco degli Iblei, un autentico atto d’amore per questo territorio che a volte deve essere difeso proprio da una parte dei suoi stessi abitanti, come le recenti polemiche sull’istituzione del Parco hanno dimostrato.

L’appuntamento è per le ore 11:00 presso la sede della Argo software che, grazie alla sensibilità di Renzo Lo Presti fondatore dell’azienda informatica ragusana, ha finanziato e prodotto l’iniziativa.

Il film si ripropone di evidenziare sotto molteplici aspetti le peculiarità di un territorio che merita tutela e salvaguardia particolare: un primo passo in questo senso è la realizzazione del Parco degli Iblei, ma ancora prima è necessaria nei cittadini la conoscenza e la consapevolezza dello speciale incontro di natura, storia e sapienza umana che caratterizza questo lembo di Sicilia.

Dopo questo primo appuntamento il film sarà visionabile venerdì 30 in due proiezioni al cinema Lumiere di via Archimede 214, alle 18:30 e alle 21:00.

Qui il link alla pagina di facebook dei promotori. Buona visione!

Logo Iblei.jpg

Ragusa sul web

Scandagliando un po’ tra i commenti ai post di questo blog mi sono imbattuto in due siti ragusani affratellati da un comune amore per la filosofia, e Dio solo sa quanto ce ne sia bisogno al giorno d’oggi!

Ve li voglio segnalare perché li ho trovati molto intelligenti e divertenti, a dispetto della comune vulgata che vorrebbe relegare la filosofia a materia per vecchi parrucconi fuori dal mondo, alle prese con questioni astruse.

Si tratta di Ossidia.it e Tommydavid.com.

Per chi, come chi scrive, è sempre alla ricerca di cose interessanti e originali da segnalarVi è stata una vera ventata di freschezza: fategli una visita…

morte di socrate.jpg

 

Jacques Louis David: Morte di Socrate (1787)

Buon compleanno, Maestro

Compirà settantacinque anni il prossimo 5 Maggio e il Centro studi Feliciano Rossitto, in collaborazione con altri enti culturali, ha deciso di celebrare con un volume l’opera di Piero Guccione, forse l’Artista più rappresentativo e noto della nostra Provincia.

Nativo di Scicli, Guccione è stato assistente di Guttuso e grande amico dello scrittore Gesualdo Bufalino, ha esposto in Italia e in tutto il mondo: da Washington a New York, da Chicago a Roma, Milano, Basilea, Parigi, a numerose Biennali. In quella del 1988 gli è stata dedicata una sala personale all’interno del Padiglione Italiano.

Numerosi i riconoscimenti conseguiti in oltre cinquant’anni di attività.

Oggi lavora attivamente all’interno del Gruppo di Scicli e sue opere figurano nelle collezioni permanenti di numerosi musei nazionali ed esteri

GUCCIONE-007.jpg

Non cessa l’allarme punteruolo rosso

Anche quest’inverno è stata un’altra strage di palme.

Scendendo a Marina di Ragusa si può osservare quanto l’emergenza dovuta all’infestazione del Punteruolo Rosso sia ancora ben lontana dalla risoluzione.

Non è che il problema sia solo qui a Ragusa: ormai l’infestazione è diffusa in tutta Italia e sembra che in città come Roma sia ormai inevitabile l’estinzione totale delle palme entro il 2015.

Qui da noi una tale eventualità sarebbe drammatica e modificherebbe irrimediabilmente il nostro stesso panorama.

Importata durante la dominazione araba la Palma, soprattutto la canariensis e la dactylifera, è diventata parte integrante del patrimonio arboreo siciliano, dove ha trovato l’ambiente ideale per prosperare e riprodursi, tanto da costituire nel tempo anche un significativo settore economico: la metà della produzione nazionale di palme è proveniente da vivai siciliani.

Numerosi esemplari secolari adornano le piazze e i giardini di ogni città dell’Isola e francamente non riesco a immaginare una Palermo o una Messina senza più le fastose chiome di questi magnifici alberi.

Palma infestata .jpg

 

 

Una palma infestata da larve di Punteruolo rosso

 

Pronti al decollo?

L’opera forse più attesa per tutto il comprensorio ibleo vede forse una schiarita nel suo travagliato iter.

Nei giorni scorsi il quotidiano online Il Corriere di Ragusa, in occasione del completamento dei lavori da parte dell’impresa appaltatrice, ha pubblicato il primo reportage fotografico dell’interno della aerostazione.

Per coloro ai quali fosse sfuggito il servizio diamo il link alle primissime foto in esclusiva.

Speriamo che ormai sia solo questione di pochi mesi e che presto si vada alla piena funzionalità di una infrastruttura indispensabile per lo sviluppo.

Aeroporto_foto11.jpg

 

La pista del nuovo aeroporto di Comiso

Mercatino a Vittoria

Si chiama Botteghe Aperte la manifestazione che si svolgerà a Vittoria il 25 Aprile e che si snoderà per tutto il centro storico, in particolare lungo l’asse di via Cavour, piazza San Giovanni e piazza Enriquez, con spettacoli, convegni e laboratori all’aperto.

L’evento si ripromette di sostenere l’artigianato tradizionale, le arti e i mestieri antichi che rischiano di scomparire ma anche le nuove forme artistiche che usano materiali innovativi e da riciclo.

Il mercatino e le manifestazioni collaterali si svolgeranno per tutta la giornata di Domenica. Da segnalare in particolare l’estemporanea di pittura e il jazz festival.

L’organizzazione è a cura dell’associazione culturale QArt che nasce a Vittoria per sostenere la cultura letteraria e artistica, con particolare riferimento ai temi della tutela del territorio e dell’ambiente, delle tradizioni e della cultura popolare. Per informazioni qart.09@gmail.com

botteghe aperte.jpg

 

Renzo e Lucia 2010

Forse ci vorrà del tempo, visto che la notizia non ha avuto molta eco né sulla stampa locale (eccetto Telenovaragusa), né su quella nazionale; ma può darsi che questa vicenda ispirerà un nuovo adattamento del romanzo manzoniano perché rivelatrice dei tempi in cui viviamo e perché non si svolge in qualche provincia del nordest ma nella tranquilla e accogliente nostra città.

Mettete al posto di Don Rodrigo concupiscente una burocrazia spesso iniqua (summum ius, summa iniuria) e sprezzante dei diritti e delle persone, e il gioco è fatto.

In breve i fatti: due giovani, lei ragusana lui albanese, decidono di ufficializzare col matrimonio il loro amore. Preparano tutte le carte, pubblicazioni incluse, fissano la data, spediscono gli inviti a parenti e amici, insomma tutta la trafila del caso (chi c’è passato sa di che parlo), ma non fanno i conti con i nuovi regolamenti stabiliti dal cosiddetto pacchetto sicurezza del nostro Governo e con una interpretazione forse un po’ restrittiva da parte dell’ufficiale di stato civile, che arriva proprio il giorno stabilito per la cerimonia.

Lui ha il permesso di soggiorno scaduto e non basta esibire la ricevuta dell’avvenuta richiesta di rinnovo, che gli permette comunque di rimanere in Italia, bisogna provare che detto rinnovo sia stato richiesto nei tempi e modalità prescritte.

Ora sarà il giudice a stabilire se il pubblico ufficiale abbia agito correttamente, ma c’era bisogno di aspettare il giorno delle nozze per rovinare la festa?

trio.jpg

 

Il Trio Lopez-Marchesini-Solenghi nella famosa parodia de I promessi sposi

 

Grande jazz a Modica

Al Teatro Garibaldi di Modica è in programma per martedi 13 alle 21:00, un concerto del contrabbassista portoricano Eddie Gomez, considerato uno dei più importanti musicisti jazz sulla scena internazionale.

La formazione con cui si presenterà al pubblico ibleo comprende Joe La Barbera alla batteria e Mark Kramer al pianoforte.

Da Bill Evans a Jack De Johnette, da Chick Corea a Miles Davis, da Dizzy Gillespie a Benny Goodman, Gomez ha collaborato con tutti i più rappresentativi musicisti della storia del Jazz.

Quello di domani sera è certamente il concerto più prestigioso di una stagione che quest’anno è stata ricca di eventi in tutta la provincia.

Per gli amanti del genere, e della buona musica in generale, un appuntamento ineludibile.

url.jpg

 

Eddie Gomez (foto di Giorgio Ricci – 2007)

Jean Houel e Ragusa

In attesa della sospirata nuova sede la direzione della Biblioteca Civica Giovanni Verga ci regala l’occasione per ammirare i quattro preziosi volumi dell’opera di Jean Houel sulla Sicilia.

Jean-Pierre Houel (1753-1813) fu pittore, incisore e architetto francese dell’età dei lumi e a lui si deve una monumentale documentazione iconografica sulla Sicilia e in particolare dei siti archeologici dell’isola alla fine del settecento. Oltre duecento tavole raccolte in quello che intitolò “Voyage pittoresque des isles de Sicile, de Malta et de Lipari”.

Era l’epoca del Grand Tour, il viaggio di formazione che i giovani dell’aristocrazia europea compivano per perfezionare la loro educazione: le mete privilegiate erano Roma e Napoli (Atene era in mano ai Turchi e quindi fuori portata) ma i più audaci si spingevano più a sud fino in Sicilia per conoscerne l’arte raffinata, la natura aspra e selvaggia, le vestigia delle civiltà antiche, i luoghi del mito.

Houel ci trasmette una ineguagliabile testimonianza perchè arricchita dalle immagini mirabili della Sicilia dell’epoca e in particolare della zona di Siracusa e Ragusa.

I volumi saranno esposti al pubblico dal 16 al 25 Aprile in occasione della XII Settimana della Cultura.

La biblioteca G. Verga si trova in via Matteotti 55, tel 0932 624008.

houel_uno.jpg

 

La grotta delle Trabacche, vicino Ragusa, in un’incisione di J.P. Houel